5 invenzioni che cambiano la vita da TOM Hackathon - 💡 Fix My Ideas

5 invenzioni che cambiano la vita da TOM Hackathon

5 invenzioni che cambiano la vita da TOM Hackathon


Autore: Ethan Holmes, 2019

Per più di tre giorni questo fine settimana, i partecipanti ai Tikkun Olam Makers hanno affrontato i problemi reali affrontati da persone con bisogni speciali nel tentativo di creare strumenti e dispositivi che aiuteranno a migliorare la mobilità, l'indipendenza, il comfort e altro ancora. L'evento ha unito i "need knowers" - coloro che avrebbero usato i dispositivi - con Makers, rolling design, prototyping e testing delle invenzioni in un evento di 72 ore.

Formattando il Makeathon in questo modo, affronta le sfide delle persone che sono effettivamente nella stanza, dice il direttore fondatore di TOM Arnon Zamir.

"Il fatto di fare qualcosa di buono è che molte persone dicono che lo faranno più tardi", dice Zamir. "Questo è un modo per farlo ora."

Il suo metodo sembra aver funzionato. I dispositivi creati al Makeathon offrivano soluzioni intelligenti alle reali esigenze e tendevano a un design pratico e replicabile. Eccone cinque che sono saltati fuori.

1. Team Grabber

Questo dispositivo è stato progettato per essere utilizzato da persone che devono raccogliere le cose con le loro bocche: il suo obiettivo, semplicemente, è quello di afferrare le cose e spostarle in casa. Combina parti stampate in 3D basate su una tenaglia e un paradenti, con un meccanismo a molla per serrare gli oggetti, ma tra i prototipi il team si è reso conto di avere un problema: l'hanno progettato in modo tale che quando l'utente si morde, apre il grabber, pensando in questo modo significherebbe meno lavoro alla mascella. Ma in fase di test, si sono resi conto che se si rilascia la mascella per afferrare qualcosa, si perde il controllo che si ha sul lato morso. Quindi lo ha scambiato: ora è serrato per chiudersi.

Il Team Grabber ha ricevuto il premio MakerBot per il prototipo rapido. Membri del team: Kim Lahtrop, Adam, Alex Gecht, Noam Platt, Maayan Kahana, Inbal Halperin.

2. Team Smart Ass

Team Smart Ass ha progettato un tappetino sensibile alla pressione per adattarsi sotto il sedile di una sedia a rotelle. Ogni polo della X stampata in 3D si trova in cima a un sensore di pressione, e il tutto attraversa un Arduino. Si connette a un'app, che mostra la pressione in tonalità scure di rosso, indicando dove possono essere presenti punti di pressione, ma anche incoraggiando l'utente a muoversi quando un settore ha visto la pressione troppo a lungo. Le iterazioni future potrebbero includere più sensori per impressioni più dettagliate.

Team Smart Ass è stato co-vincitore sia del premio Google.org per l'innovazione sia del premio TechShop per l'autoproduzione. Membri del team: Shaun Giudici, Paul Herzlich, Pierre Karashchuk, Yakshu Madaan, Tomás Vega, Jonathan Bank, Oscar Segovia, Hagit Alon.

3. Carry Crutches

Team Carry Crutches ha fondamentalmente progettato e stampato in 3D un giunto cardanico meccanico per il trasporto di bevande con le stampelle. Poi hanno realizzato una versione controllata da computer, che utilizza una batteria, due servi, un Arduino Uno e un sensore giroscopico e accelerometro MPU-6050. Una terza variante includeva un vassoio tagliato a laser con fori per tazze e utensili.

Carry Crutches ha ricevuto il premio Prize4Life per l'indipendenza. Membri del team: Ilan Sherman, Benoy Bhagattjee, Matthew Wasala, Maayan Dremer, Daisy Bermudez, Tomas Garces.

4. Beity

"La mia casa" in arabo, Beity è un kit di gestione del trauma autosufficiente per i bambini rifugiati. È portatile, alimentato ad energia solare e utilizza contenuti consultati dallo psichiatra come la meditazione audio guidata per mitigare la risposta allo stress. Semplici giocattoli in realtà aumentata - come un pesce che appare nella meditazione - vanno con la struttura tagliata al laser, che sembra una casa delle bambole. Sì, è possibile eseguirlo su un iPad, ma era importante che il dispositivo non avesse alcun valore commerciale. All'interno, il contenuto viene caricato su un Raspberry Pi tramite una scheda SD, mentre all'esterno, la vernice lavagna e il pennarello cancellabile lo rendono fisicamente interattivo.

Membri del team: Omar Alaouf, Farah Weheba

5. Braille Sol

Esistono programmi di traduzione in Braille, ma il team Braille Sol voleva creare un dispositivo tattile che consentisse un maggiore controllo di un telefono o tablet. L'Arduino Uno nel cuore del dispositivo può essere collegato tramite Bluetooth o porta seriale e i pin sono azionati da solenoidi.

Membri del team: Caitlin McDonnell, Corey Short, Jeffrey Edwards, Michael Han.


Tutte le foto: Nathan Hurst



Si Può Essere Interessati

Novità di Maker Shed: Netduino, una piattaforma elettronica open source basata su .NET

Novità di Maker Shed: Netduino, una piattaforma elettronica open source basata su .NET


La riparazione funky del telecomando porta all'interesse dell'elettronica

La riparazione funky del telecomando porta all'interesse dell'elettronica


How-To: Fai un pesce palla da un barf bag

How-To: Fai un pesce palla da un barf bag


Questa settimana nelle fiere dell'artigianato

Questa settimana nelle fiere dell'artigianato






Messaggi Recenti